Mangox World

Just another way to communicate

Pirati, pirañas e squali… tutti mariuoli!

Pirateria e antipirateria sono pittoreschi e frequenti termini in voga da quando i produttori di software lamentano la loro impossibilità di tiranneggiare il mercato anche se non sono sottoposti a freni, regolamentazioni, organi di controllo per calmierare i loro prezzi di vendita.
squalo1.gif
Nasce prima I’hardware o il software? Beh! Poco importa… Sta di fatto che entrambe le categorie di produttori – supposto che non siano cointeressate societariamente – lavorano in tandem, come il gatto e la volpe. Il loro target (nel senso di bersaglio da colpire) sono società, professionisti, studenti e privati in genere.
Ora si sentono defraudate, perché con i cloni non c’è più l’esclusiva e perché i pirati fanno copie dei programmi. Hanno una RAM molto corta… hanno dimenticato il loro ruolo di predatori quando per anni ci hanno venduto CPU, monitor, RAM, SIMM, stampanti, masterizzatori a prezzi da “fuori di testa”. E le fatture che tutti noi abbiamo in archivio parlano chiaro. Anche i servizi correlati, come
la masterizzazione di dati, perché non ci si poteva permettere il lusso di farla da sé, erano accessibili a pochi. E che cosa dire di tutti quei supporti come le cartucce SyQuest, i DataPak, i dischi magneto-ottici, i DAT, i Jazz che – pagati profumatamente – ora sono obsoleti e non valgono commercialmente più nulla? È mai possibile aver pagato una stampante “a colori” a getto d’inchiostro ben 2 milioni ? I costi per produrla erano davvero così alti? O forse non c’era la grande serie da produrre? Niente niente che ci abbiano marciato un po’ troppo con il profitto? (questo è approfittare della buona fede e dello stato di necessità).
Continua a leggere

Annunci

aprile 2, 2007 Posted by | copyright, diritto d'autore, pirateria informatica, SIAE | Lascia un commento