Mangox World

Just another way to communicate

Dal Cabaret alla disperazione passando per… Via Nostalgia

…Mortadella desaparecida

 mortadella.jpg

Che fine ha fatto? Sta benissimo e, forse,  sta  occupandosi di qualche “svendita”.

 

Curiosità:

Se ogni cognome  deriva da una professione o mestiere, è curioso osservare che se  PRODI derivasse dal latino, i suoi avi dovrebbero averle combinate grosse. Perché…

tradire            v.tr.            prodo, -is, -dĭdi, -dĭtum, -ĕre

 Ma se così fosse, come è possibile che da questa radice si sia poi arrivati all’aggettivo “prode” (nel senso di coraggioso)? Misteri della linguistica!

 

 arcobaleno.jpg

L’arcobaleno è proprio bello, affascinante e misterioso (mica troppo…).

Varie leggende e fiabe riportano che alla fine dell’arcobaleno gli gnomi nascondono secchi pieni di monete d’oro. Sarà forse  questo il motivo  per cui Bertinotti e C. hanno scelto l’arcobaleno come simbolo del nuovo partito? È accattivante e poetico;  simboleggia la quiete dopo la tempesta, la tranquillità e il sereno dopo le brutte bufere politiche della nostra Italia. Forse, prima o poi ci diranno anche che è lì che hanno nascosto il Tesoretto… e vivremo tutti felici ed estasiati ad ascoltare il famosissimo brano OVER THE RAINBOW

Dall’arcobaleno alle ecoballe ovvero … dalle stelle alle stalle.

Ma che mondo immondo è mai questo? Il problema dell’immondizia non è solo campano. Lì l’ingorgo è procurato e voluto (per mancanza di accordi su tariffe e spartizioni per gli appalti…). Il disordine creativo partenopeo inciderà pressappoco per  una minima percentuale… sulla totalità del problema.

Perché non estirpare il problema alla radice? Cominciamo a ridurre ciò che produce immondizia.

Tanto per cominciare…

1) confezioni e imballi

2) sacchetti e bottiglie di plastica

3) cartoni

4) vetro (bottiglie) a perdere

I soliti disfattisti diranno che è inutile, che questo non è il problema… Mi ricorda tanto le obiezioni che  mi venivano fatte quando lamentavo che le spese della macchina dello Stato vanno eliminate o drasticamente ridotte (auto blu, scorte, aerei, privilegi, telefoni e telefonini, segreterie, servizi gratuiti ecc.). Con una smorfia e una scrollatina di spalle, tutti i sapientoni  andavano alla ricerca non identificata dei virus dell’impoverimento dell’Italia. Ma li conosciamo già quasi tutti: si chiamano furbizia, mancanza di senso civico, evasione, egoismo, fifa, disparità e disuguaglianza, raccomandazioni, assenza di meritocrazia, abbondanza di partiti e partitini finanziati dallo Stato, codici e leggi vecchie, mancanza di senso dello Stato, lentezza della magistratura, dittatura  e persecuzione fiscale… false pensioni e finti pensionati, voto di scambio, buonismo ad oltranza, scuole decadenti, permissivismo e potrei continuare ad libitum. 

C’era una volta…

La pasta veniva pesata, avvolta in un foglio di carta e infilata in una borsa per la spese (era sempre la stessa). In mancanza della borsa, ti portavi la merce in un “coppo” di carta… Questo è l’antenato della confezione. Pensate oggi esistono perfino riviste sulla Confezione, sul Packaging … Per il vino si andava dal vinaio con la PROPRIA bottiglia. Per il latte passava il lattaio e si buttava via solo il coperchietto di stagnola. Per l’acqua, non esisteva proprio il problema. L’acqua minerale era una stranezza e un lusso per “ricchi”.

Tanti generi alimentari si vendevano sciolti, esattamente come si fa tuttora al banco della gastronomia, anche nei Supermercati dove, però — contemporaneamente — esistono tutte le vaschette in plastica con affettati, formaggi ecc.

Il polistirolo non esisteva… Ora lo si trova dappertutto… sono i vassoietti per frutta, verdura, pesce, carne ecc.

Scatoloni (per traslochi o spedizioni): erano rari.

Si andava dal colorificio a comprare i giornali vecchi (venivano venduti a peso…!)

Si faceva la raccolta dei metalli (ferro vecchio, rame, ottone…) e se non si andava a venderlo direttamente; passava qualcuno a comprarlo, palazzo per palazzo…

Le scarpe si riparavano, si portavano dal calzolaio per essere risuolate.

I cappotti si rivoltavano e si riutilizzavano per un’altra generazione…

I mobili (erano di legno) si rilucidavano periodicamente. (Ora si buttano via e sono di truciolato…)

 

Certo. Il mondo si evolve. Con il progresso c’è sviluppo, ricchezza e consumismo. L’idea dell’usa e getta è meravigliosa, ma ha un piccolo difetto.  È la destinazione del “getta” che preoccupa al punto che o si fa retromarcia o il pianeta–pattumiera non basterà più. E non è solo una questione logistica di spazi. Per i rifiuti ingombranti, anche nelle grandi città,  ci sono punti di raccolta differenziata “organizzati”, definite pomposamente “riciclerie”. Ma sono  solo dei buffer, immondizia di transito… che da qualche parte va eliminata. E i residui dell’eliminazione sono il nostro incubo.

Ma il coinvolgimento è totale: l’inquinamento, la penuria d’acqua, i cambiamenti climatici, la desertificazione, l’estinzione di specie animali e vegetali, i problemi destinati ai nostri discendenti saranno veramente CATASTROFICI.

 

Ma chi se ne frega?

Tanto c’è la TV con il grande fratello, con i “pacchi”, i quiz, le partite di calcio, lo scudetto, le coppe varie…

Chi se ne frega se i Giapponesi continuano a sterminare le balene?

Chi se ne frega se in Africa e altrove si muore di fame?

Chi se ne frega delle guerre e delle malattie? Tanto la religione ci salverà…

Chi se ne frega? Tanto c’è la droga… che ci fa sentire “grandi”

Chi se ne frega della libertà? Tanto ci pare di averla…

E il Tibet? Ci pensi qualcun’altro… noi c’abbiamo la mafia, la camorra, la monnezza, la pluralità di idee e di partiti (finanziati)

E la distribuzione della ricchezza? Ma che cavolo andate blaterando…

E l’evasione fiscale? Calma, calma: un  po’ alla volta… li beccheremo tutti!

E la giustizia? Qualcuno ha qualcosa da dire?

Tutto funziona in maniera rigorosamente imperfetta …

Fai la mano morta?:  condanna alla reclusione (fino a 1 anno) e 2000 € di risarcimento. Però, se da ubriaco ammazzi qualcuno con l’auto?: no problem. Arresti domiciliari e sospensione della patente.

 

A proposito… se voleste ammazzare qualcuno o fare un po’ di cazzate con la vostra auto,  forse sarebbe il caso di portare una bottiglia di alcool in macchina e — se vi fermano — trangugiarlo di nascosto prima di essere sottoposti al test: sarete ultrapositivi… Conviene!!!

 

Ma  allora concentriamoci sui problemi seri:

Il debito pubblico? No

La salute pubblica? No

L’inquinamento? No

L’assistenza agli anziani? No

Carovita? Propaganda elettorale…

Certezza di pene? (Pene?… in che senso?)

Delinquenza? Quale? Tutti liberi!!!

Giustizia?(E chi ci salva dalla stranezza delle sentenze?)

Fisco? (è rimasto a senso UNICO)

 

E qual è la priorità dei problemi che  abbiamo da risolvere ?

elezioni

liberalizzazione della droga

classifiche cantanti e canzoni

processi  in TV  e trasmissioni  del cavolo

matrimoni omosessuali

libertà di fare i cacchi propri (questa è la democrazia italiana)

 

 

 

 

 

 

 

          

marzo 21, 2008 - Posted by | arcobaleno, Bertinotti, camorra, confezioni, desertificazione, ecoballe, imballi, inquinamento, mafia, manomorta, mortadella, packaging, Prodi, ricicleria, smaltimento rifiuti, Tibet, UNICO, usa e getta

Non c'è ancora nessun commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: