Mangox World

Just another way to communicate

Prezzo e… Pricing

ll prezzo alto incute rispetto
ll prezzo basso genera curiosità, sospetto e… disprezzo
(Mangox)

Quanto costa?” è questa la domanda tipica che poniamo per sapere il prezzo di vendita di un prodotto, servizio o altro. Meglio sarebbe dire solo “Quanto?”, eliminando la voce riferita al costo, che è ben altra cosa…

Per produrre: penso, progetto, compro materia prima, trasformo, elaboro, modifico, finalizzo, confeziono.
Per vendere: propongo, pubblicizzo, gestisco, distribuisco, consegno.
Perché tutto ciò abbia senso, cioè per guadagnare, è necessario che la differenza tra il prezzo finale d i vendita e la somma dei costi legati a tutte le operazioni sopra descritte sia un valore positivo e “ragionevole”.
Ed è proprio sul “ragionevole” che ci si può far male. Ragionevole è forse restare sorridenti dopo aver visto il profitto superstite dopo le tasse? Per chi dà una prestazione che si avvale dell’esperienza, di anni di studio, la parola “ragionevole” oscilla in un range soggettivamente più ampio.
Chiunque (dipendente o autonomo) lavori desidera anche garantirsi la sicurezza per il futuro,
la previdenza, la disponibilità economica per affrontare gli imprevisti e i momenti magri. E la cassa integrazione non è per tutti …
Continua a leggere

Annunci

maggio 26, 2007 Posted by | AzzeccaClipArt, Cina, concorrenza, curiosità, disprezzo, preventivo, Pricing, recupero, sconti selvaggi, slealtà, sospetto, sputtanamento prezzi, svaccamento del mercato | Lascia un commento

Impariamo ad ascoltare

Si parla sempre più spesso di comunicazione, in tutti gli ambiti, in tutti i meeting, a tutti i livelli. Tutti sappiamo che comunicare vuol dire migliorare i rapporti, ma nella comunicazione c’è un difetto di unilateralità, perché con essa solitamente si intende porgere ad un interlocutore delle informazioni, concetti, ecc.; ma, stranamente, nessuno si occupa moltissimo dell’ascolto.
per-ascoltare.jpg
C’è qualcuno che ha definito l’ascolto o il saper ascoltare “un’arte o una capacità dimenticata”. Sempre rimanendo in tema di definizioni, Norbert Weiner dice che la conversazione è un gioco di insieme tra chi parla e chi ascolta contro le forze della confusione. A meno che entrambi non si impegnino, la comunicazione interpersonale è senza speranza.
L’ascolto è una facoltà da rivalutare e non è un caso che negli Stati Uniti ed in altri Paesi vengano effettuati dei corsi per insegnare le tecniche di ascolto. Se partissimo dal sano principio che abbiamo una bocca e due orecchi e se li usassimo in proporzione così come ci sono stati dati avremmo risolto il problema, ma tante volte (… troppe) il desiderio di sovrapporsi a colui che chiede di essere ascoltato è una tentazione irresistibile e si crede di avere il toccasana per risolvergli i problemi mediante la nostra esperienza.
Continua a leggere

maggio 26, 2007 Posted by | ascolto attivo e passivo, ascolto del non detto, comunicazione, facoltà dimenticata | Lascia un commento