Mangox World

Just another way to communicate

Tratta il venditore altrui…come te stesso

Qualcuno ha detto:Il mondo è mezzo da vendere e mezzo da comprare.

Se sei fra coloro i quali sono destinati a comprare, solitamente ti senti il più forte e spesso diventi – se non arrogante – menefreghista e scostumato…
Se, invece, sei fra quelli che devono vendere, solitamente ti senti il meno forte e spesso diventi – se non arrogante – invadente e scostumato…

La maleducazione ed, eventualmente, l’arroganza sono in linea di massima il comune denominatore fra Venditore e Cliente.
E, sfortunatamente, l’inversione dei ruoli non modifica affatto il comportamento individuale.
Vero è che il telefono invade la nostra privacy e che l’unica arma di difesa è un filtro in gonnella, chiamato comunemente segretaria, che ha nel suo mansionigramma il compito di dire che il proprio Capo è “…in riunione”.
Vero è che con il telefax, ormai, il venditore-persecutore invade ogni ufficio con proposte, pubblicità o altro, usando anche la carta del destinatario-vittima. Per non parlare della posta elettronica…
Continua a leggere

marzo 24, 2007 Posted by | marketing, vendita | Lascia un commento

GESTIONE PERSONALE

Apparso su “Uomo Manager – 4” Anni 90

Conoscere modalità e tempi di attuazione di un lavoro e saper gestire l’imprevisto, sono gli elementi-chiave …
…La presenza di supporti tecnologici in ufficio permette un’acquisizione diretta dei dati con una notevole riduzione dei tempi
… PER NON FARSI TRAVOLGERE DAL TEMPO

Chi fosse in grado di tenere seriamente corsi accelerati di ubiquità per manager e Vip, avrebbe sicuramente un successo enorme ed il cosiddetto “pienone” fra i banchi. La gestione del tempo, non solo ad alti livelli, è diventata un problema sociale e merita la nostra attenzione e quella degli specialisti. La velocità stessa della nostra esistenza – che Einstein mi perdoni – pare sia aumentata per tutte le persone operative, tanto da assimilarle a colonne di formiche. E poi si parla di tempo libero … Anche quest’ultimo è stato guastato dalla miriade di attività che in esso devono essere “comprese e comprese”.
Forse esiste ancora, in qualche sparuta zona nel nostro Paese, un posto non soggetto all’usura di questa urgenza che rovina psiche e corpo. Si ha voglia di predicare la programmazione del lavoro: nonostante la preparazione di coloratissimi planning, ci si trova comunque a dover gestire l’imprevisto in misura maggiore del prevedibile. Sembra un giro di parole ma, in effetti, quando si fa la perthizzazione di un lavoro si tiene solitamente conto di questi imprevisti, piccoli incidenti di percorso, che ne allungano i tempi di conclusione. L’urgenza è rappresentabile come una piramide capovolta, contrariata a quella del potere in azienda, per cui chi riceve la patata bollente per ultimo diventa il perseguitato.
Continua a leggere

marzo 24, 2007 Posted by | gestione, management, ubiquità | Lascia un commento

Bonus/malus o malus/bonus?

Anno 2000

Siamo in parecchi milioni gli italiani ai quali piacerebbe guardare in faccia quel creativo, fantasioso persecutore, assicuratore o qualsiasi altro egli sia che per primo coniò il “bonus/malus“, per chiedergli il sostantivo latino “sottinteso” al quale abbinare i due aggettivi bonus/malus che da tempo massacrano le tasche degli assicurati.
Perché se non sottintende “niente”, avrebbe fatto la solita smargiassata da ignorante che abusa del latino per dare “autorevolezza” ad una proposta che – non poteva essere altrimenti – fu accolta da tutte le Compagnie con ampio favore per proteggersi da noi assicurati, considerati per default una manica di delinquenti pronti a mandare sul lastrico queste pie e benefiche società di assicurazioni, che di “sicuro” hanno solo il loro profitto e che stilano una tonnellata di clausole e codicilli per “scaricarci” quando si verifica l’evento nefasto.
Continua a leggere

marzo 24, 2007 Posted by | assicurazioni, bonus malus, classe di merito, disdetta vietata | Lascia un commento